31 Dicembre

Eccoci bambini, è stato bello trascorrere tutto questo tempo insieme a voi!! Se volete rivedere qualcosa che avete perso o che vi è piaciuto potete tornare nelle pagine precedenti ogni volta che vorrete! E adesso vi saluto e vi auguro un NUOVO MERAVIGLIOSO ANNO!!!
Una filastrocca al giorno...
...di Sandra Pecchielan

Ecco finito il cenone
Ora è l’ora del panettone!
Il nonno taglia grandi fette
Su un vassoio bene le mette!
Guardano tutti con occhi stupiti
Mentre si mangia sputi i canditi!
Seduti i bimbi tutti in coro
Gridano forte dateci il pandoro!
Va la nonna alla credenza
Ne ha proprio uno non è mai senza!
C’è chi lo mangia col zucchero a velo
E chi col mascarpone giusto un velo!
Una fetta a tutti quanti
E gli auguri abbondanti!

Dalle ore 14:00

FIABE E STORIE PER TENERVI COMPAGNIA
Lorena racconta: La febbre mangina. Autore: Gianni Rodari

ABIO, Associazione per il Bambino In Ospedale, accoglie ed assiste dal 1978 i bambini e le famiglie che vivono l’esperienza del ricovero ospedaliero.
A causa dell’emergenza sanitaria ora non possiamo incontrare e trascorrere tempo con i bambini ricoverati, giocare con loro e ricevere i loro teneri sorrisi, ma non ci siamo fermati e abbiamo messo in campo iniziative per continuare a far sentire la vicinanza dei volontari anche a distanza.  Ai 4 ospedali dove ABIO Como opera stiamo portando colorati zainetti contenenti tanti giochi, libretti, puzzle, peluche, matite colorate, da consegnare a ogni piccolo ricoverato, per allietare alcuni momenti della giornata. Abbiamo realizzato anche diversi video in cui le volontarie hanno letto e animato fiabe e storie per tenere compagnia. Siamo felici di proporre le nostre letture anche dalla Città dei Balocchi online.

Vai al sito Web

Dalle ore 15:00

LAKEWATCHING
il lago sopra e sotto il livello dell’acqua a cura di PROTEUS LAB

PROTEUS LAB presenta la registrazione della diretta Zoom di ottobre 2020 con una quarantina di scuole, docenti e pubblico effettuato dalla nostra sede della Darsena di Villa Geno da ProteusLab in collaborazione con il progetto ClimaLiquido. Nella prima parte si parla del lago, delle sue caratteristiche e dei cambiamenti del clima sul nostro territorio di cui il lago è il primo elemento a risentirne. Lentamente poi ci spostiamo in riva al lago per introdurre la seconda parte che racconta l’immersione del nostro sub mediato dalla nostra divulgatrice scientifica Paola Iotti. Tra lei e il sub scaturisce un dialogo sopra e sotto il lago in cui si racconta la fauna ittica, la statua nascosta e molti altri segreti del lago.

.

Vai al sito

Dalle ore 15:30

Il codice segreto
gioco di prestigio del Mago Valery presentato nello Stand dell’Arma dei Carabinieri per Como Città dei Balocchi (edizione 2018)

MAGO VALERY

Che Natale è senza il Mago Valery? Lo rivediamo in alcune magie realizzate per i bambini (da zero a 99 anni) alla Città dei Balocchi

Vai al sito

Dalle ore 16:00

Visione e Regola
l’incontro tra Futurismo e il Razionalismo nel Monumento ai Caduti di Como.

L’Ordine degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Como apre le porte della sua sede nell’edificio del Novocomun costruito negli anni ’20 su progetto di Giuseppe Terragni. In questo laboratorio, adatto a bambini da 5 a 11 anni, verrà fornita qualche informazione storica e curiosità su alcuni edifici della per disegnare decorazioni natalizie o immagini di festa.

Vai al sito

Dalle ore 16:30

LEZIONI DI FOTOGRAFIA
Impariamo a fotografare con iCorbetta

“Per avventura fotografica intendo il coraggio di infrangere le regole.
Fotografare in modo creativo non vuol dire illustrare ma reinventare”

Una famiglia di fotografi, da due anzi! tre generazioni. Luigi, Francesco e oggi per Città dei Balocchi anche la giovane Greta. Ogni giovedì, iCorbetta propongono una serie di video per raccontare i segreti della fotografia.
Francesco Corbetta ha lo studio a Como, in via Rodari, che si ispira ad una dimensione laboratoriale e sperimentale, con una programmazione di corsi fotografici e workshop, ma si offre anche come contenitore espositivo dedicato all’arte contemporanea. Alcune sue fotografie sono conservate presso il Centro Italiano della Fotografia d’ Autore e la Galleria civica di Modena.

Vai al sito

Dalle ore 17:00

La Survàchka
Laboratorio

L’associazione Lachesi propone un laboratorio per costruire, secondo la tradizione bulgara del primo giorno dell’anno, la Survàchka, un rametto di corniolo, addobbato con lana, frutta secca, peperoncini, mais soffiato, monetine, spighe di grano e altri doni della natura. Nel passato, l’usanza consisteva nel rituale eseguito da un gruppo di “survacàri”, cioè bambini e ragazzini di 4 -16 anni, che entravano nelle case augurando salute e fertilità.

Un’associazione di promozione sociale che ha per nome una figura di un mito greco. Il nome Lachesi è stato scelto poiché fra le Moire è quella responsabile di svolgere sul fuso il filo della vita e deciderne il destino, usando lo stame bianco misto ai fili d’oro per indicare i giorni felici e lo stame nero misto ai fili d’oro per indicare i giorni di sventura. Attualmente l’associazione è composta da 50 soci con cui, grazie alla trasversalità delle competenze, vengono realizzati interventi nei più svariati ambiti, plasmandoli sulle necessità specifiche del contesto di attuazione basandosi sul “principio di aiuto“.

Vai al sito

Dalle ore 17:30

NOI C'ERAVAMO
Adriano Giudici, presidente della Famiglia Comasca, legge:

“Noi c’eravamo” di Renzo Albonico e Adriano Giudici – Ricordi sogni e piccole storie di ringhiera, racconti di vita di due ragazzi dal ’56 al ’68: un passato non lontano che pare lontanissimo, ma che comunque fa parte della storia di ognuno di noi, in una Como diversa da quella di oggi.

La Famiglia Comasca promuove la conoscenza della storia, dei costumi, dell’arte e di tutti gli aspetti della cultura e della vita sociale comasca. Associazione culturale, apartitica e senza fini di lucro, è nata il 29 marzo 1969 ad opera di dodici amici, coinvolti nell’avventura da Piero Collina, poeta dialettale e autore della versione in vernacolo comasco dei ‘Promessi Sposi’. In oltre 50 anni di vita la Famiglia Comasca ha accumulato un suo patrimonio di storia che si intreccia in modo indissolubile con quello della vita cittadina.

Vai al sito