02 Gennaio

IH IH IH!! CIAO BAMBINIIIIIIIIIIIIII... Vi sto preparando tanti buoni dolcetti per il 6 gennaio, avete già appeso la calza sul camino?
Una filastrocca al giorno...
...di Sandra Pecchielan

La filastrocca di un passerotto
Piccolo buffo un po’ cicciotto!
Gira felice per il boschetto
Con sopra la testa il suo berretto!
Fatto di lana rossa e blu
Ne parlano pure alla tivù!
Sono cortine le sue zampette
Mette le scarpe con le calzette!
Passa di corsa l’amico leprotto
Saluta ehila’ e si aggiusta il panciotto!
Gira felice da mattina a sera
Col suo cappello fino a primavera!
Poi con il caldo riprende a volare
E mette il cappello a riposare!

Dalle ore 14:00

FIABE E STORIE PER TENERVI COMPAGNIA
Federica racconta: L’omino delle stelle. Autore: Giuditta Campello

ABIO, Associazione per il Bambino In Ospedale, accoglie ed assiste dal 1978 i bambini e le famiglie che vivono l’esperienza del ricovero ospedaliero.
A causa dell’emergenza sanitaria ora non possiamo incontrare e trascorrere tempo con i bambini ricoverati, giocare con loro e ricevere i loro teneri sorrisi, ma non ci siamo fermati e abbiamo messo in campo iniziative per continuare a far sentire la vicinanza dei volontari anche a distanza.  Ai 4 ospedali dove ABIO Como opera stiamo portando colorati zainetti contenenti tanti giochi, libretti, puzzle, peluche, matite colorate, da consegnare a ogni piccolo ricoverato, per allietare alcuni momenti della giornata. Abbiamo realizzato anche diversi video in cui le volontarie hanno letto e animato fiabe e storie per tenere compagnia. Siamo felici di proporre le nostre letture anche dalla Città dei Balocchi online.

Vai al sito Web

Dalle ore 14:30

NATALE IN DIVISA
PROTEZIONE CIVILE DI COMO
Protezione_Civile_Regione_Lombardia-logo-2AB2A378E4-seeklogo.com

Il Dipartimento della protezione civile è una struttura della Presidenza del Consiglio dei Ministri.
Nasce nel 1982 per dotare il Paese di un organismo capace di mobilitare e coordinare tutte le risorse nazionali utili ad assicurare assistenza alla popolazione in caso di grave emergenza. Il drammatico ritardo dei soccorsi e all’assenza di coordinamento che avevano caratterizzato la gestione del terremoto in Irpinia del 1980 avevano, infatti, evidenziato la necessità di istituire una struttura che si occupasse in maniera permanente di protezione civile.
Con la legge n. 225 del 1992 il Dipartimento diventa il punto di raccordo del Servizio Nazionale della protezione civile, con compiti di indirizzo, promozione e coordinamento dell’intero sistema.
Il Dipartimento, operando in stretto raccordo con le Regioni e le Province autonome, si occupa di tutte le attività volte alla previsione e alla prevenzione dei rischi, al soccorso e all’assistenza delle popolazioni colpite da calamità, al contrasto e al superamento dell’emergenza.

Vai al sito

Dalle ore 15:30

Sneezy the Snowman
Scopri insieme ad Arianna cosa succede al protagonista di Sneezy the Snowman: un freddoloso pupazzo di neve che tenta in più modi di scaldarsi ma finisce sempre per sciogliersi! Prima puntata.

Scopri insieme ad Arianna come i bambini ricostruiscono Sneezy e gli offrono un capo in più da indossare finché il pupazzo di neve non inizia a soffrire… il CALDO! Ma per questo problema i bambini hanno una soluzione geniale! Un modo simpatico per imparare l’inglese divertendosi per bambini da 6 a 10 anni. Seconda puntata.

International House Team Lingue propone tre video storytelling per bambini da 6 a 10 anni “Sneezy the Snowman”. Un modo simpatico per imparare l’inglese divertendosi.

Vai al sito
La sfida degli scioglilingua - #2
If a dog chews shoes, whose shoes does he choose?

Vuoi metterti alla prova con gli scioglilingua? International House Team Lingue propone una sfida per ragazzi a partire dalle scuole medie. Quando si sta imparando una nuova lingua, gli scioglilingua sono un ottimo modo per esercitarsi nella pronuncia. Gli scioglilingua sono frasi o serie di parole difficili da pronunciare. Spesso hanno suoni simili che si alternano, come “s” e “sc” o “p” e “b”.

Vai al sito

Dalle ore 16:00

Villa del Balbianello
Viaggio nella bellezza – La Biblioteca

“Dalla punta della piccola penisola boscosa di Lavedo, allungata a picco sulle acque del centro del Lago di Como, la Villa si affaccia elegantemente su un ampio panorama che ne fa una delle più scenografiche dimore del Lario. L’iniziatore delle meraviglie del Balbianello fu il Cardinal Durini, letterato e mecenate, che a fine Settecento scelse questo angolo lacustre per farne un ritiro di delizia e di svago letterario. Una vocazione recuperata in tempi moderni da Guido Monzino, imprenditore, collezionista e appassionato viaggiatore, che nel 1974 fece della Villa il rifugio dove conservare con ordine e gusto i ricordi di una vita avventurosa che lo condusse, primo italiano, in cima all’Everest. La sua vita quotidiana e le fortunate gesta emergono da mappe, strumenti di viaggio, libri, arredi e preziose quanto curiose collezioni di oggetti d’arte antica e primitiva: tutto è ancora allestito secondo il suo volere, come i cimeli delle sue note imprese alpinistiche, custoditi nell’affascinante Museo delle Spedizioni. Per sua volontà, nel 1988 la Fondazione ha preso in carico la rigorosa gestione della Villa, preservandone lo spirito che rivive anche nello stupefacente giardino che il FAI mantiene con la stessa maniacale perfezione. Un tracciato che spazia tra ardite potature e scorci romantici, viali fiancheggiati da statue, terrazze panoramiche e copiose fioriture, fino a culminare nella Loggia settecentesca che corona l’intero complesso regalando un duplice e aereo panorama. La bellezza e la meraviglia del Balbianello, cui si può accedere anche via lago, sono state la chiave che ha spinto molti registi di Hollywood ad ambientare qui celebri saghe, come quelle di Star Wars e 007.

Vai al sito

Dalle ore 17:30

NOI C'ERAVAMO
Adriano Giudici, presidente della Famiglia Comasca, legge:

“Noi c’eravamo” di Renzo Albonico e Adriano Giudici – Ricordi sogni e piccole storie di ringhiera, racconti di vita di due ragazzi dal ’56 al ’68: un passato non lontano che pare lontanissimo, ma che comunque fa parte della storia di ognuno di noi, in una Como diversa da quella di oggi.

La Famiglia Comasca promuove la conoscenza della storia, dei costumi, dell’arte e di tutti gli aspetti della cultura e della vita sociale comasca. Associazione culturale, apartitica e senza fini di lucro, è nata il 29 marzo 1969 ad opera di dodici amici, coinvolti nell’avventura da Piero Collina, poeta dialettale e autore della versione in vernacolo comasco dei ‘Promessi Sposi’. In oltre 50 anni di vita la Famiglia Comasca ha accumulato un suo patrimonio di storia che si intreccia in modo indissolubile con quello della vita cittadina.

Vai al sito